il podenco

un cane primitivo

L’antenato del Podenco trovò il suo massimo splendore nella civiltà Egizia. Gli Egizi lo chiamavano cane di Tesem. Alcuni ipotizzano che la divinità di Anubi non sia altro che l’antenato del nostro amato cane rosso.

un pò di storia

I Cani cosiddetti Primitivi ed i levrieri rappresentano le prime razze che affiancarono l'uomo in un periodo antecedente al 5000 a.C.. L'area geografica in cui si svilupparono nel corso dei millenni si estende fra Mezzaluna Fertile e la penisola Iberica, comprendendo parte dell'Eurasia e del Nord Africa. La diffusione del cane nel Mediterraneo fu merito dei Fenici, grandi navigatori che esportarono il cane degli Egizi nel Mediterraneo.
Il cane primitivo si differenzia per una corporatura di piccola o media taglia, longilineo, compatto e muscoloso, a pelo liscio raso o ruvido. Presentano vista, udito e olfatto altamente sviluppati e utilizzano contemporaneamente tutti e tre i sensi nell'attività di caccia. Non sono molto veloci, ma compensano con una straordinaria agilità che permette rapidi spostamenti su terreni accidentati e montagnosi. Viene spesso impiegato nella caccia al coniglio/lepre proprio per queste sue caratteristiche, grazie alle quali è sopravvissuto nei millenni in regioni del tutto inospitali. Anticamente veniva utilizzato come cane da avvistamento, in quanto anche per la sua caparbietà ed astuzia era in grado di sostare ore nel luogo in cui avvistava la preda. In seguito vennero sviluppate le sue capacità venatorie.
Il cane primitivo si evolse, con il passare del tempo, in diverse razze. Nella penisola iberica genericamente sono denominati podencos e con rilevanti differenze da ragione a regione. Attualmente ci sono 8 razze di cani podenco riconosciute dalle federazioni internazionali. Inoltre, vi sono almeno 8 razze non ancora accettate ufficialmente.

il carattere sensibili, emotivi, empatici

Socevoli, attenti, molto reattivi, decisi e determinati, intelligenti. E' un cane rustico. Non è decisamente un cane da salotti. 9 su 10 sono riservati, manifestando affettuosità e confidenza con il padrone. Può essere diffidente con gli estranei e propenso a fare guardia. Socievole con gli altri cani ama stare in compagnia. Addestrabile senza problemi e abituato a seguire indicazioni e ascoltare. Di solito coraggioso, dinamico, appassionato alla sua caccia ma anche nel gioco, impetuoso ma mai e poi mai aggressivo. Sia fisicamente sia moralmente ha una resistenza incredibile. La loro personalità è influenzata dalla loro evoluzione improntata all'esclusivo utilizzo venatorio. Questo non ha escluso una dolcezza innata verso chi amano. Hanno bisogno di una famiglia che comprenda il loro bisogno di dinamicità e spazi e condivida con loro queste attitudini. Sanno essere compagni fedeli e discreti amando incondizionatamente.